LovLovLov (RR10)

by Putiferio

/
  • Streaming + Download

     

  • Compact Disc (CD)

    ships out within 3 days

      €8 EUR

     

1.
2.
3.
08:10
4.
5.
6.
7.
8.

about

Registrato da Giulio Ragno Favero e Andrea Cajelli a La Sauna Recording Studio (Varano Borghi, Varese) ottobre 2011
Mixato da Giulio Ragno Favero Loss Loss Loss mixata da Andrea Cajelli
presso La Sauna Recording Studio, gennaio 2012
Masterizzato da Giovanni Versari, marzo 2012

credits

released April 22, 2012

Mirco - chitarra
Jan - chitarra
Panda - voce
Luca - batteria

Giulio Ragno Favero basso in Can't Stop the Dance, You Chicken" e parti in Void Void Void, Hopileptic, Now the Knife..., True Evil Black Medal
Rodrigo D'Erasmo violino in Hopileptic!, Now the Knife...
void void void composta con woolter

Released robotradio MacinaDischi

tags

license

all rights reserved

about

RobotRadio records Italy

Robotradio is like a game.
A game played with bands and people by sharing time and ideas. And by publishing few releases. Each one could be the last one, and that’s more true nowadays.

contact / help

Contact RobotRadio records

Streaming and
Download help

Shipping and returns

Track Name: Void Void Void
see this human-shaped cocoon
thousand miles of black silk
spinning 'round a larval core of nothing
echoing a deaf song
rattling as in a dead throat
do you really call it living?
begging at every corner?
screaming
with a soundtrack of cry cry cry cry
the buzz of flies suggesting: “knock off! cut off!!”
but neither when knife armed he can make the cut
cutting faces as with tumors
rub out feelings as with errors
cutting faces as with tumors
rub out feelings as with bad mistakes
but how can we do
when he himself's the mistake
when he's the dumbest jerk of 'em all
a pointless muncher of chances
ain't it like betting on a dead horse?
except he's not dead yet
he's like an insect
that eats its own wings
but he can't chew
'cause its essence is pure sparkling void void void
cut my body in halves
and look at my wounded parts
count my age from excisions
and know me from what is not
the panic got callous
the passions all torn away
consumed by my hunger
I’ve told you that hate ate ate

Guarda quest’uomo a forma di bozzolo. Migliaia di chilometri di seta nera filata attorno ad un nucleo larvale di niente. Fa eco ad una canzone sorda, tintinnando, come un rantolo nella gola di un morto.
Vuoi davvero chiamarla vita? Chiedere l'elemosina ad ogni angolo? Urlando su una colonna sonora di piagnistei, mentre il ronzio delle mosche gli suggerisce: “Smettila! Tagliati fuori!”. Ma nemmeno armato di coltello è in grado di eseguire il taglio. Taglia i volti, come si fa coi tumori, cancella i sentimenti, come con gli errori, cancella i sentimenti, come pessimi errori.
Ma come si può fare quando l’errore è proprio lui? Quando è il più stupido idiota di tutti, in inutile masticatore di occasioni? Non è come scommettere su un cavallo morto? (a parte il fatto che non è ancora morto). E 'come un insetto che si mangia le ali ma non può masticarle davvero perché la a sua essenza è puro scintillante vuoto vuoto vuoto.
Taglia il mio corpo a metà, taglia il mio corpo a metà, e guarda le mie parti ferite, conta la mia età dai tagli e conoscimi da ciò che non c’è più, il panico è diventato come un callo, le passioni sono state fatte a pezzi, consunte dalla mia stessa fame. Te l’avevo detto che l’odio mangiava e mangiava.
Track Name: Amazing Disgrace
fingers scraping on a frozen glass
drawing creatures, horns and tails
beaks and sharp teeth insulting gods
raising hatred, haunted by a spell
in the act of speaking out themselves
emerging from the ice, deserving holocaust
skin is getting tight and tighter
unveiling all the organs
flowing ‘neath a deformed shroud
what he'll ever be is spoken by this weird shape
by his shifted bones, by his crooked neck,
by the whispered wish that this helpless monster could be torn away
flush it down the drain!
praying hands merging into a sharp nail
touching him through scratches, scratches, scratches
something so obscene can be planned by nature only by mistake
flush it down the drain!
in a shouted need that this helpless monster could be torn away
flush it down the drain!
consider him a separate being
consider him an useless being
ain’t it amazing? an amazing disgrace!

Dita che graffiano su un vetro ghiacciato, disegnando creature, corna e code e becchi e denti affilati, che insultano divinità, sollevano odio. Infestate da un’incantesimo, colte nell'atto di esprimere sé stesse, emergendo dal ghiaccio e meritando l’olocausto.
La pelle diventa sempre più stretta, rivela tutti gli organi che pulsano sotto un sudario deformato. Ciò che sarà lo dice la sua strana forma, le sue ossa spostate, il suo collo storto. Il desiderio sussurrato che questo mostro senza speranza possa essere fatto a pezzi e gettato nello scarico. Mani giunte in preghiera si fondono a formare un’unghia affilata, che lo tocca coprendolo di graffi, graffi, graffi.
Qualcosa di così osceno la natura lo può creare solo per errore, gettalo nello scarico. Il bisogno gridato che questo mostro senza speranza possa essere fatto a pezzi e gettato nello scarico. Consideralo un essere a sé stante, consideralo un essere inutile. Non è meraviglioso? Una disgrazia meravigliosa!
Track Name: Hopileptic!
one of these too many mornings,
transfixed by the sun spears,
choking up,
the splinters swallowed through the night that's just passed
I'll try to find some shelter
in the folds of your pink jumper
on the white checks of your dress,
disguising, as if something...
as if something could have changed by borrowing your face
see, I hang on threads as weak as your nerves before the fits
while you reassure me that we all kinda tremble, never able to walk straight
so I seize the seizures and cry for crises,
‘cause they're the only things that lend an helping hand
hey, I've got this disease that always comes and goes
the arms that bloom of bloodstreams
the chest is spotted blue and it keeps on getting worse
hey, please tell me that this shaking one day is gonna stop
by smashing hard the head, by biting out my tongue, until I'm fully dumb
masked to be like you
it's like I really have something
masked to be like you
it's like I really am something

Una di queste mattine di troppo, trafitto dalle lance del sole, soffocando fra i frammenti ingoiati nella notte appena trascorsa, cercherò di trovare un riparo nelle pieghe del tuo maglione rosa, fra gli scacchi bianchi del tuo vestito, mascherandomi, come se...Come se prendere in prestito il tuo volto avesse potuto cambiare qualcosa.
Vedi, sono appeso a fili labili come i tuoi nervi prima di un attacco, mentre mi rassicuri che siamo tutti, più o meno, tremolanti e non saremo mai in grado di camminare in linea retta. E allora cogli le crisi e piangi per gli spasmi, perché sono le uniche cose che mi possono dare una mano.
Ehi, ho questa malattia, va e viene di continuo, le braccia fioriscono di rigagnoli di sangue, il petto mi si macchia di blu e continua a peggiorare. Ehi, ti prego, dimmi che un giorno tutto questo agitarsi finirà, sbattendo forte la testa, mordendomi via la lingua, fino a restare muto.
Mascherarmi, per essere come te, è come se avessi davvero qualcosa, mascherarmi, per essere come te, è come se fossi davvero qualcosa.
Track Name: Can't Stop the dance, You Chicken!
my swinging back and forth
paints all the shadows,
hidden, a criminal passive dangling
oh God, this won’t be changing
don't cauterize
the leaking vein
and let my blackened blood spread
with the disease that consumes me
the chin is up
I'm standing tall
about six feet from ground
enjoying the best part in hanging
and hear the idiot spinning
while lost in rows of brown houses
I needed something to cling on
to please my wrong choice's habit
just leaning out for new hope
the eyes blend air and stone
while all those people sleeping
floor by floor by floor goes the haunting
a human luck
my heavy bones
oblige to keep my head low
and help me facing the asphalt
and on my book
on chapter eight
I see the vowels fall
a mass suicide that won’t affect the sense
I’ve tried hard but still can see ‘em
still see the headless chicken
that kicks and throws for the dancing
still takes the guts of a coward
to keep on painting the ending
on and on and on

Il mio oscillare avanti e indietro dipinge tutte le ombre. Nascosto, un penzolare passivo e criminale. Mio Dio, come potrà mai cambiare qualcosa? Non far cicatrizzare la vena che perde, lascia diffondere il mio sangue annerito e la malattia che mi divora.
Il mento è alto, mi ergo fiero, a circa sei piedi da terra: è la parte migliore dell’essere appeso. E sento l'Idiota che gira, perso fra schiere di case marroni, avevo bisogno di aggrapparmi a qualcosa per compiacere la mia abitudine alle scelte sbagliate. Mi sporgo solo per della nuova speranza, gli occhi mescolano l’aria e la pietra, e mentre tutti dormono la maledizione scende di piano in piano.
Un’umana fortuna le mie ossa pesanti, mi obbligano a tenere la testa bassa e mi aiutano ad affrontare l'asfalto. E sul mio libro, al capitolo otto, vedo le vocali cadere: un suicidio di massa che non cambierà il senso del discorso. Ci ho provato tanto, ma lo vedo ancora, il pollo senza testa che scalcia e si dimena nella danza. Serve tutto il coraggio di un codardo per continuare a dipingere il finale, ancora e ancora e ancora.
Track Name: Now the Knife is my Shrink
now that everything seems to be forgotten
please laugh about it and question no more
the reason of embraces frozen as death
and of your wandering around the same rocks
your beaten leg shaking, the body drops dead
canceling the moment and praising the dark
of a light shining clearer from the most blacken wood
of the spot of your drowning into water again
that month you've spent humming a beautiful song
about a guy, Michael, who’s dead, gone or lost
‘t was marking the start of an unfinished truce
with none of us dreaming of freedom or rest
but now the knife has become my shrink
I’ve got an easy way to confess
now the knife, it is my shrink
I’ve got a clever way to choke it all out
how comforting to think it's the last time
I'm exposing this to your eyes and laughters
don't mention breed it's not on my grammar
I've got a phD in the art of excision
there is a treasure at the end of my rusty sharp rainbow
it flows ‘tween red streams and feeds all my hopes
for a quick job, for a zippy way out
for a keen tool, which can cut me out
just a quick job, just a zippy way out
a keen tool, please, cut me out
5 years to let the tree grow
5 months and the tree top will fall
5 years to watch its crooked growth
and after 5 sad months the tree top'll be torn and chopped off.

Ora che tutto sembra essere dimenticato, cerca di riderci su e non chiedermi più il perché di abbracci gelidi come la morte, e del tuo vagare sempre attorno alle stesse rocce. La tua gamba percossa trema, il tuo corpo cade come morto, annullando l’istante ed esaltando l’oscurità di una luce che risplende chiara nel bosco più nero, l’istantanea del tuo continuo annegare.
Quel mese che hai passato a canticchiare una canzone bellissima, a proposito di questo Michael, che è morto, o perso, e se ne è andato, segnava l'inizio di una tregua non ancora cessata, e senza che nessuno di noi sognasse la libertà o la quiete. Ma ora che il coltello è diventato il mio analista, ho un modo semplice per confessare, ora che il coltello è il mio strizzacervelli ho un modo scaltro per vomitare tutto.
Come è confortante pensare che questa è l'ultima volta che esporrò tutto questo ai vostri occhi e alle vostre risate. Non nominare la creazione, non è nel mio dizionario, io ho solo un dottorato nell’arte del taglio.
C'è un tesoro alla fine del mio arcobaleno arrugginito e acuminato, scorre tra torrenti rossi, nutre tutte le mie speranze per un lavoretto veloce, una via di uscita, uno strumento affilato che mi chiami fuori, solo un lavoretto rapido, una via di uscita comoda, uno strumento affilato che mi possa chiamar fuori. 5 anni per far crescere l'albero, 5 mesi e la cima cadrà. 5 anni per vederlo crescere storto e dopo 5 tristi mesi e la punta sarà tagliata e strappata via.
Track Name: My Pitch Black Heart
is it worth to explain
the stuff I’m babblin’ 'bout, babblin' 'bout
I scream for more orphans, mate
and for more families crying
just slipping in the usual stream
where all I touch is just poisoning
the woods and trees are breeding the worms
that slither right through me
to fill me with
billions of bellyaches
the knees are wounded and hurting
ask for more beating, mate
I'll go with gravely sighing
choke on your words 'cause no thing you wanna mean
arrest the heart if you don't wanna feel
but if you want and try hard to disappear
let's try this cheap trick, go and
blind everyone blind everyone blind everyone
stab 'em in the eyes, stab 'em in the eyes
hold firm your fountain pen, writer
and butcher their foreheads
I'll disembowel my body to find my pitch-black mark
it gnaws and grows right through me,
you see how sick is sick is sick
I'll watch and see the chambers of my crippled heart
I'll try to hear its pumping instead I can just hear
the sound of cracks that are spreading wider
pulling strings that made your muscles loose
reach the knife and tear apart that shameless bit that you have came up to
the euphony of the swinging spheres
are voices reviling since I just stepped in
so I'm what you read in crimson ink
a fountain upchucking the woes of a kid
and how come’s that when I'm seeing red
it looks like blooming petals of love?

Vale davvero la pena spiegare le cose che sto balterando? Sto urlando “più orfani”, amico mio, e “più famiglie in lacrime”. Sto scivolando nel mio flusso consueto, dove tutto quello che tocco diventa velenoso, i boschi e gli alberi allevano i vermi che mi strisciano dentro per riempirmi di un miliardo di mal di pancia.
Le ginocchia sono ferite e fanno male. Chiedo altre botte, amico mio, e sospiro, gravemente. Soffocati con le tue stesse parole, perché non hai nulla da dire. Arresta il cuore se non vuoi sentire. Ma se vuoi scomparire, e lo cerchi disperatamente, prova questo semplice trucchetto, prova ad accecare tutti.
Accecare tutti. Mira agli occhi, tieni salda la tua stilografica, e macellagli le tempie. Sviscererò il mio corpo per trovare il mio marchio nero come la pece, che mi rode e mi cresce dentro, lo vedi come è malato, malato, malato! Getterò lo sguardo nelle stanze del mio cuore paralizzato, cercherò di sentirlo pompare. E invece riesco solo a sentire il suono di crepe che diventano sempre più ampie, tirando fili che ti slegano i muscoli.
Afferra il coltello e fai a pezzi quello schifo spudorato che sei diventato. L’armonia delle sfere oscillanti, sono voci che mi insultano da che ho messo piede qua dentro. Io sono quello che leggi nell’inchiostro rosso, una fontana che vomita gli affanni di un bimbo. E come è possibile che quando vedo rosso mi sembra di vedere sbocciare petali d’amore?
Track Name: Loss Loss Loss
hooow comes things I touch grow these sharp thorns?
how comes words scrape me as porcelain splinters?
[ISN'T IT TIME TO CUT IT YOU ZERO-HERO?]
a bush of roses growing in the stomach
[WEREN'T YOU VOID, YOU NOUGHT NOUGHT NOUGHT?]
more pieces I put together, the more the pain kills me
fingertips are bleeding on a glue that smells of loss
that makes the stomach turn, the head goes nod’, nod’, nod’
each thing I build is just destroying another
tearing apart the dress I've put on
and there I lay just keep on staring
my eyebulbs swelling for the light I stuff into
waiting for the water that once fell from your lips
make it work out as rain in the desert i'm bound to
bless my trhrilling skin, christen my tongue
the weapon I've been facing and praying ever since
I've been kissed by failure
a flirt I've been weaving
and now in her arms
my voice keep on swaying
as all I remember
like all of my wishes on how this could be
I've been kicked on the lips
and how could this be the only emotion
that I have felt in years?
I'm hiding the face beneath bleeding hands
and prepared for the next one

Com’è che tutto quello che tocco germoglia di spine? E che le parole mi raschiano la gola come schegge di porcellana? [NON E' ORA DI DARCI UN TAGLIO, EROE DA DUE SOLDI?] Un cespuglio di rose mi cresce nello stomaco. [NON ERI MICA VUOTO VUOTO VUOTO?] Più metto assieme i pezzi, più il dolore mi uccide.
I polpastrelli sanguinano su una colla che puzza di sconfitta, che mi fa rivoltare lo stomaco. La testa fa no-no-no, e ogni cosa che costruisco ne distrugge un’altra, facendo a pezzi il vestito che ho indossato. E me ne stavo lì a guardare, le mie pupille gonfie della luce in cui le imbevo, nell’attesa dell'acqua che una volta ti cadeva dalle labbra, che è come pioggia nel deserto in cui sono confinato, e benedice la mia pelle fremente, battezza la mia lingua, l'arma che prego e rivolgo verso me stesso fin da quando sono stato baciato dal fallimento, un corteggiamento che ho ordito io, e ora tra le sue braccia la mia voce continua a scemare, come tutti i ricordi, come tutti i desideri su come dovrebbero essere le cose.
Sono stato preso a calci sulle labbra, e come è possibile che questa sia l'unica emozione che ho provato in questi anni? Mi nascondo il volto dietro a mani sanguinanti e mi preparo per il prossimo calcio.
Track Name: True Evil Black Medal
this last summer, when everything seemed to conspire against me,
the hot air kinda strangled me, choking spits on my dreams
I was finally facing the truth ‘bout my being out of place
just seeking from some cold, like a three week corpse
I was looking for a way to erase my memories
a hidden button you can squeeze hard with your fingers
or a bullet, or a xanax canteen
my heart did stop and go, ready to be evil and lost at last
but you, you know, behind your black glasses
you cannot ever be or even try to caress the dream
no ship sail no blackmails no coffin sealed, oh your “day by day”
so drop again those heavy stones
if you're not gonna throw 'em
and use them just build your family house
your thunder mainly rhymes with hiding
no way to shake those valleys
or ride like fury until the flames eat out everything
paint your face like death
'cause that's the closest similar
of you and your damn paralytic hands
can't you see the shame of being
just placing small bombs inside your head
instead of fucking blow it?
so drop again those stones
you're never gonna throw 'em
and use them just build your marble tomb
your lightning barely lights me up
me and my perpetual dusk
where shadows mainly point at some way out
paint your face like corpse
'cause that's the closest similar
of you and your silent beating heart
can't you see the shame of being
just placing small bombs inside your head
instead of fucking blow it?
I've burnt all of my sanctum
I've inverted all my crossed-heart vows
I've been dead-threaten by myself
I think I can deserve a
True More Evil Black Medal
I've stabbed the neck of my best friends
choose death and frost as new ones
I've screamed and screamed and screamed and screamed
I think I can deserve it
pin my chest and reach the heart

L’estate scorsa, quando tutto sembrava cospirare contro di me, l'aria calda che mi strangolava e soffocava degli sputi sui miei sogni, affrontavo finalmente la verità del mio essere fuori posto, cercando un po’ di fresco, tipo un cadavere di tre settimane. Cercavo un modo per cancellare i ricordi, come un pulsante nascosto da schiacciare forte con le dita, o un proiettile, o un pasto a base di xanax.
Il mio cuore, si fermava e ripartiva, pronto finalmente per essere malvagio e perso. Ma tu, tu lo sai, dietro quei tuoi occhiali neri, non lo potrai mai essere, nemmeno provando ad accarezzarlo in sogno. Nessuna nave che salpa, nessuna lettera ricattatoria, nessuna bara sigillata sul tuo "giorno dopo giorno". E allora lascia cadere quelle pietre pesanti, se non hai intenzione di scagliarle e usale per costruirti una casa.
Il tuo tuono per lo più fa rima con nascondersi, non scuoterà le vallate, ne’ lo cavalcherai come una furia finché le fiamme avranno divorato tutto. Dipingiti il volto come la morte, perché è quanto di più simile a te e alle tue mani paralitiche di merda. Davvero non provi vergogna a piazzarti piccole bombe in testa, invece di farla saltare? E allora lascia cadere quelle pietre pesanti se non hai intenzione di scagliarle, e usale per costruirtici la tomba.
Il tuo fulmine riesce appena ad illuminare me e il mio crepuscolo perpetuo,dove anche le ombre cercano una via d’uscita. Dipingiti il tuo volto come un cadavere, perché è ciò che più assomiglia al silenzioso battere del tuo cuore. Davvero non provi vergogna a piazzarti piccole bombe in testa, invece di farla saltare?
Ho bruciato tutti i miei santuari, ho rinnegato tutti i giuramenti fatti con croce sul cuore, ho ricevuto minacce di morte da me stesso, credo di meritarmi una vera e più cattiva medaglia nera. Ho pugnalato al collo i miei migliori amici, li ho rimpiazzati con morte e gelo, ho gridato e gridato e gridato e gridato. Credo di meritarmela. Infilzami il petto e raggiungi il cuore.